La protezione dai terremoti parte dalla Prevenzione e dal Ricordo: in Calabria un mese di riflessioni ed incontri sul rischio sismico.

La protezione dai terremoti parte dalla Prevenzione e dal Ricordo: in Calabria un mese di riflessioni ed incontri sul rischio sismico.

pubblicato in: Ambiente | 0

terremotiDal 24 febbraio al 21 marzo partiranno diversi seminari tematici a cura degli ordini professionali (ingegneri e geologi), del CSV, della Regione, del Dipartimento della Protezione Civile e dell’Università della Calabria.

Formazione, informazione e consapevolezza dei vari rischi che potrebbero esistere nei territori calabresi per poter affrontare eventuali emergenze sismiche. Solo la conoscenza e la memoria sono le nostre principali risorse per creare comunità resilienti.

Studenti e cittadini, inoltre, potranno visitare la mostra “Terremoti d’Italia” promossa dal Dipartimento della Protezione Civile, in collaborazione con l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, per capire la fenomenologia dei terremoti, come possiamo avvertirli all’interno delle abitazioni e cosa bisogna fare prima, durante e dopo il sisma.

L’esposizione ripercorre la storia dei principali terremoti che hanno colpito nell’ultimo secolo il territorio italiano attraverso documenti, immagini, strumenti scientifici e dispositivi tecnici antisismici.

La mostra si articola in tre sezioni: fenomeno, territorio e riduzione del rischio. L’area del fenomeno illustra, con approccio interattivo, il tema dell’origine dei terremoti. L’area del territorio sviluppa argomenti legati alla storia e alla pericolosità sismica. Nell’area della riduzione del rischio si argomenta, infine, il tema della vulnerabilità dell’edificato e dei comportamenti da adottare.

All’interno di una stanza sismica, allestita con diversi oggetti e mobili, i visitatori simuleranno in sicurezza l’esperienza del terremoto. L’obiettivo, dell’esperienza dal vivo, è creare una memoria, un comportamento corretto che possa contribuire alla riduzione del possibile rischio.

Lascia una risposta

due × 3 =

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.